16° Revival Rally Club Valpantena - 8-10 novembre 2018
scegli l'edizione >> 
 
   
 
 
 
Locandina - Programma - Regolamento - Iscrizione - Percorso - Distanze e tempi - Elenco iscritti - Guida dello spettatore - Accredito stampa - Hotel convenzionati
 
 
PARTNERSHIP 2018 RCV E GR.B RALLYELEGENDEN
03/05/2018
BISARCHE DALL'ITALIA E TARIFFE AGEVOLATE
Confermata anche per il 2018 la partnership tra il Rally Club Valpantena e la manifestazione austriaca GR. B Rallyelegenden dedicata alle auto da rally degli anni d'oro.
L'evento, rivisitato nel percorso e nella logistica, si svolgerà i prossimi 6 e 7 luglio a Melk (A), ridente località celebre per lo spettacolare castello che sovrasta la cittadina. 14 prove speciali, con oltre 125km cronometrati, costituiranno la crema di questo evento, ricavato sia su speciali tradizionali, sia su circuito, per offrire divertimento ai piloti e spettacolo al pubblico.
Grazie alla collaborazione con Silvio Carenini, saranno organizzate delle bisarche in partenza da Padova e gli organizzatori hanno predisposto di mettere a disposizione un albergo per gli equipaggi italiani con tariffe agevolate su iscrizione, alloggio e trasporto.
Per informazioni e dettagli sulla partecipazione sarà possibile contattare il Rally Club Valpantena al numero 348.0811712
 
GIGI PIROLLO A GREZZANA IL 9 MAGGIO
27/04/2018

GREZZANA (VR) 27.04.2018 – Una imperdibile serata attende tutti gli appassionati di rally di Verona. Grazie al Rally Club Valpantena, Gigi Pirollo presenterà il suo libro “Una curva lunga una vita”, edito da Giorgio Nada Editore, mercoledì 9 maggio alla Just Italia di Grezzana alle ore 21:00.

Il famoso ed apprezzato navigatore di Castelfranco Veneto, amico del Rally Club Valpantena fino dagli inizi della sua carriera, ha accettato l'invito del club guidato da Roberto “Bob” Brunelli, Sergio Brunelli, Gianurbano Bellamoli, Paolo Saletti e Alberto Zanchi e presenterà il libro nel quale ha racchiuso aneddoti, immagini e storie della sua lunga vita da corsa iniziata nel 1974 e ancora in attività grazie anche al ruolo di Supervisore ACI Sport da poco intrapreso.

La serata vivrà tra sicure emozioni e densi momenti di amarcord e passione. Gigi racconterà cosa si nasconda dietro a “Una curva lunga una vita”, mostrando fotografie fra i cui colori sono racchiusi ricordi di una carriera sempre in prima linea con piloti del calibro di Alex Fiorio, Andrea Zanussi, Adartico Vudafieri, Michele Alboreto, Piero Liatti, Dindo Capello, Marco Bonanomi e Gianfranco Cunico. Proprio il pilota vicentino, con il quale il binomio è stato tanto ferreo quanto celebre, sarà presente alla serata organizzata dal Rally Club Valpantena perché, come ha detto lo stesso Pirollo: “non avrei fatto quello che ho fatto senza tutti i “miei” piloti”.

Dopo la presentazione, Pirollo si tratterrà per firmare le copie del libro e sarà possibile per chi fosse interessato acquistarne una copia.
La serata, ad ingresso gratuito, si concluderà con un brindisi conviviale.
 
IN VIAGGIO DA WALTER ROHRL │ IL VIDEO
13/02/2018
 
IN VIAGGIO DA WALTER ROHRL
05/02/2018
Rally Club Valpantena
27.01.2018 │ In viaggio da Walter Röhrl



Ci sono momenti che restano impressi nella memoria per sempre.
È successo anche a noi del Rally Club Valpantena lo scorso 27 gennaio.
Tutto è iniziato con una telefonata di Silvio Carenini, celebre preparatore Opel padovano, che qualche mese fa ci ha lanciato un inaspettato invito speciale: “Walter Röhrl vuole invitarvi a pranzo”. Il cuore appassionato e le tante immagini che ci sono passate davanti, di quando eravamo un po' più giovani e seguivamo Walter dal bordo strada delle prove speciali, non potevano che farci accettare questa proposta. Ed è stato così che sabato 27 gennaio, assieme allo stesso Carenini, abbiamo preso la via di Ratisbona (Regensburg) per rispondere all'invito del due volte Campione del Mondo Rally (1980, 1982). Un lungo viaggio di 1.300km che, ora che siamo rientrati, rifaremmo all'infinito.
Il destino ha voluto inoltre che l'incontro con Röhrl sia avvenuto a 34 anni esatti dalla sua vittoria al Rally di Montecarlo 1984 con l'Audi Quattro. Un aneddoto che Walter non ricordava, ma che lo a fatto sorridere ricordando come, con quella quarta affermazione nel Principato, sia di fatto diventato uno dei piloti più vincenti in una delle gare più insidiose del mondo.
Passare una giornata con Walter Röhrl nella sua casa, tra i suoi ricordi e gli innumerevoli episodi che ha da raccontare è un privilegio che non spetta a molti e del quale è difficile riassumere tutti i particolari. Walter è un signore. Ci ha accolti come gli amici più fraterni svelandoci la sua collezione di fotografie dell'epoca in cui correva, il suo garage con i poster originali e i modellini di tutte le vetture con cui ha corso. Non avremmo mai voluto andare via.
Ci siamo trovati al cospetto di un grande campione che non ha lasciato che la popolarità lo cambiasse. Un campione che ha indossato per tutto il giorno la felpa ufficiale del Valpantena, che abita in un paesino di montagna dove gli abitanti non sanno nemmeno chi sia. Abbiamo pranzato in un ristorante a pochi passi da casa sua, ma nessuno degli altri clienti si è avvicinato per chiedere un autografo o per farsi una foto e così tutto ha preso il sapore di un pranzo tra amici, dimenticando ben presto che ci trovavamo davanti a uno dei piloti di rally più forti di sempre.
Walter ha snocciolato tanti aneddoti come quello, poco conosciuto, del Giro d'Italia Automobilistico 1979 quando la Fiat schierò due vetture: la prima condotta dall’equipaggio formato da Gilles Villeneuve, Walter Röhrl e Christian Geistdorfer, la seconda affidata a Riccardo Patrese, Markku Alén e Ilkka Kivimäki. Röhrl aveva il compito di guidare nei tratti “rally”, mentre in pista il volante passava a Villeneuve. Sentire parlare di Gilles direttamente da chi ne ha condiviso lo stesso abitacolo fa tremare le gambe. La cronaca di quell'edizione è presto detta: Villeneuve e Patrese battagliano nelle prove in pista, ma il canadese giunge più volte secondo e a metà della corsa abbandona. Röhrl gli subentra quindi anche in pista, rimane sempre incollato a Patrese ma grazie alla sua supremazia nelle prove di rally a termine centra un clamoroso successo.
Storie come questa sono riassunte dalle decine di fotografie che arredano la scala interna della casa di Walter. Si scorgono Miki Biasion, Cesare Fiorio, Michele Mouton e poi ancora Markku Alen, con cui Röhrl ebbe una rivalità sportiva molto importante. Tra quella lunga serie di fotografie in bianco e nero, tutte della stessa dimensione, anche le tante vetture e persone con cui Walter ha condiviso la sua vita nelle corse. Sembra di essere passati dal presente ad un glorioso passato, con Walter che si sofferma su quella e su quell'altra foto, ricordando con un sorriso, con un aneddoto particolare o semplicemente con uno sguardo e una parola i momenti che hanno segnato la sua parabola umana e sportiva.
Emozionante davvero quando Walter ci apre le porte del suo garage, dove sono conservate maniacalmente cinque Porsche 911 tutte raffreddate ad aria e di epoche diverse. Sul muro un calendario indica con perizia teutonica, i giorni in cui ciascuna di quelle vetture, da marzo ad ottobre, deve uscire dal garage per sgranchirsi i cavalli con un giretto di 60/70 chilometri, ovviamente condotta dal suo valido maestro. Il garage sembra un vetrina. Alle pareti campeggiano i poster dell'epoca in cui Röhrl correva nel Mondiale Rally con le copertine delle riviste originali che celebrano le sue vittorie. Uno di questi, relativo al Rallye Sanremo 1980, anno in cui Röhrl vinse alla guida della Fiat 131 Abarth priva di sponsors, a causa dello sciopero dei dipendenti Fiat, è la stessa che campeggia anche nella sede del Rally Club Valpantena, con l'autografo originale del campione. Su un'altra parete fanno bella mostra più ripiani con i modellini di tutte le vittorie con cui Walter ha corso, dalle prime fino alle vetture che guida ancora oggi, come brand ambassador Porsche nel mondo.
Non manca ovviamente una promessa, prima di lasciare Regensburg e tornare alla realtà, e questa promessa riguarda il Revival Rally Club Valpatena 2018, 16ma edizione, in programma dall'8 al 10 novembre 2018. Dopo qualche anno di assenza, avere nuovamente Walter al via della manifestazione sarebbe un'emozione e un privilegio davvero unico. Röhrl non ci pensa su, scorre la sua agenda che lo vede impegnato in giro per il mondo per tutto l'anno e accetta, lanciando un video messaggio a tutti i fan del Revival: “io torno ancora quest'anno!” dice sorridendo.
Missione compiuta. Possiamo tornare a casa soddisfatti.
 
PRONTI PER LA NUOVA STAGIONE!
08/01/2018
 
 
 
Rally Club Valpantena - Copyright © 2010 - All Rights Reserved - Termini e condizioni del servizio - Privacy - Cookie policy